Indietro

Un accordo contro le molestie sul lavoro

L’Unione comunale del Chianti, primo ente in Italia, fa proprio l’accordo europeo per contrastare le violenze e ne stipula uno con i sindacati

BARBERINO VAL D'ELSA — L’Unione comunale del Chianti, primo ente in Italia, fa proprio l’accordo europeo per contrastare la violenza e stipula un accordo con le organizzazioni sindacali.

L'obiettivo che si pongono la rete dei Comuni di Barberino Val d'Elsa, Greve in Chianti, San Casciano Val di Pesa e Tavarnelle Val di Pesa e i referenti di area Cgil, Cisl e Uil, è quello di promuovere e tutelare le pari opportunità nel territorio del Chianti e della Valdelsa con un’attività di monitoraggio sulle forme di rispetto del genere negli ambienti di lavoro.

“Insieme alle organizzazioni sindacali con le quali abbiamo stipulato un protocollo d’intesa - sottolineano i primi cittadini Massimiliano Pescini, Paolo Sottani, Giacomo Trentanovi e David Baroncelli - aderiamo ai principi e alle finalità dell'accordo quadro sulle molestie e la violenza nei luoghi di lavoro, sottoscritto dalle parti sociali europee nel 2007 e recepito nel 2016 da Cgil, Cisl e Uil e Confindustria”. 

Si tratta del primo caso in Italia, tra le pubbliche amministrazioni, e di un passo che persegue la promozione e la valorizzazione della cultura femminile, messo in atto dall’osservatorio nato nel Chianti. Il tavolo offre una periodica occasione di confronto all’Unione comunale del Chianti Fiorentino e alle organizzazioni sindacali Cgil, Cisl e Uil, sui temi e le problematiche delle donne e del loro rapporto con il mondo professionale.

“Riteniamo inaccettabile ogni atto o comportamento che si configuri come molestia o violenza nei luoghi di lavoro - dicono i firmatari - il nostro non è un semplice atto deliberativo ma vuole mostrare l'impegno ad adottare misure adeguate nei confronti di coloro che violano la dignità degli individui con comportamenti molesti”.

I sindaci pensano alla condivisione di misure concrete. “Intendiamo inoltre prevenire, individuare e gestire casi di molestia e violenza - aggiungono - concordando le strutture più adeguate al fine di assicurare un’assistenza sia dal punto di vista psicologico che dal punto di vista legale alle vittime di molestie e violenza nei luoghi di lavoro”. I sindaci ribadiscono che “Tutti hanno il dovere di collaborare al mantenimento di un ambiente di lavoro in cui sia rispettata la dignità di ognuno e siano favorite le relazioni interpersonali basate sui principi di eguaglianza e correttezza reciproca”.

“La prevenzione serve a scongiurare forme di violenza fisica e psicologica sul posto di lavoro – concludono i rappresentanti Cgil, Cisl e Uil Firenze - è un impegno che vuole affrontare questo tema in maniera concreta, riteniamo necessario che si crei una rete di sistema per la tutela dei lavoratori e delle lavoratrici attraverso il coinvolgimento attivo delle associazioni, il tema del lavoro è un aspetto fondamentale della vita delle nostre comunità su cui investire in maniera seria, responsabile e consapevole. La tutela delle donne è uno strumento per valorizzare il lavoro perché un lavoro di qualità fa crescere un’economia sana con principi di giustizia, etica ed equità”.

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483

Powered by Aperion.it